Oggi si è compiuta questa Scrittura.

PRIMA LETTURA: 1Gv 4,11-18
Chi ama Dio, ami anche il suo fratello.

SALMO: (Sal 71)

Ti adoreranno, Signore, tutti i popoli della terra.
Oppure:
R. Benedetto il Signore che regna nella pace.

“In quel tempo, Gesù ritornò in Galilea con la potenza dello Spirito e la sua fama si diffuse in tutta la regione. Insegnava nelle loro sinagoghe e gli rendevano lode.
 
Venne a Nàzaret, dove era cresciuto, e secondo il suo solito, di sabato, entrò nella sinagoga e si alzò a leggere. Gli fu dato il rotolo del profeta Isaìa; aprì il rotolo e trovò il passo dove era scritto:
«Lo Spirito del Signore è sopra di me;
per questo mi ha consacrato con l’unzione,
e mi ha mandato a portare ai poveri il lieto annuncio,
a proclamare ai prigionieri la liberazione
e ai ciechi la vista;
a rimettere in libertà gli oppressi
e proclamare l’anno di grazia del Signore».
 
Riavvolse il rotolo, lo riconsegnò all’inserviente e sedette. Nella sinagoga, gli occhi di tutti erano fissi su di lui. Allora cominciò a dire loro: «Oggi si è compiuta questa Scrittura che voi avete ascoltato».
 
Tutti gli davano testimonianza ed erano meravigliati delle parole di grazia che uscivano dalla sua bocca.”

Lc 4,14-22a

La missione di Gesù non è una missione solitaria e senza frutti, anzi è una missione accompagnata dalla forza dello Spirito Santo che procede dal Padre e con questa forza d’amore, stesso Figlio è sostenuto, accompagnato. Come abbiamo letto nel brano del vangelo la missione di Gesù è proprio quella di portare questo amore del Padre all’umanità immersa nel peccato e per conseguenza nella sofferenza, nella prigionia e nella cecità.

La missione di Gesù è questa: «Lo Spirito del Signore è sopra di me; per questo mi ha consacrato con l’unzione e mi ha mandato a portare ai poveri il lieto annuncio, a proclamare ai prigionieri la liberazione e ai ciechi la vista; a rimettere in libertà gli oppressi e proclamare l’anno di grazia del Signore». Gesù è venuto a portare prima di tutto il lieto annuncio, a dirci che Lui è con noi, e che sarà con noi fino alla fine del mondo.

Proclama a tutti quelli che si sentono interiormente prigionieri, la libertà. A quelli che sono ciechi e non vedono a causa del peccato e da malavita, dona la vista. Porta la libertà anche a chi si sente schiacciato dal peso della vita, dalla croce che si è ormai impressa sulle spalle del umanità, infatti lui stesso subirà il peso della croce e sarà oppresso da essa. Lui è venuto infondo perché vuole proclamare anno di grazia a tutti quelli che veramente desiderano riceverla. Ogni anno così diventa anno di grazia, e ogni giorno e ora in quel anno sono pieni di grazia per tutti.

C’è una cosa interessante che Gesù proclama dopo aver letto questo brano di Isaia: «Oggi si è compiuta questa Scrittura che voi avete ascoltato».

Come è possibile che si è compiuta questa parola, quando ancora oggi esistono molti che sono stanchi, oppressi, ciechi, malati, sfiduciati e prigionieri?

Perché il compimento di questa parola sta nella persona di Gesù Cristo che dev’essere accolto. Chi accoglie Cristo avrà tutto necessario per una vita felice, non una vita facile.