Sapete valutare l’aspetto della terra e del cielo; come mai questo tempo non sapete valutarlo?

PRIMA LETTURA Rm 7,18-25a
Chi mi libererà da questo corpo di morte?

SALMO (Sal 118)

Insegnami, Signore, i tuoi decreti..

“ In quel tempo, Gesù diceva alle folle:
 
«Quando vedete una nuvola salire da ponente, subito dite: “Arriva la pioggia”, e così accade. E quando soffia lo scirocco, dite: “Farà caldo”, e così accade. Ipocriti! Sapete valutare l’aspetto della terra e del cielo; come mai questo tempo non sapete valutarlo? E perché non giudicate voi stessi ciò che è giusto?
 
Quando vai con il tuo avversario davanti al magistrato, lungo la strada cerca di trovare un accordo con lui, per evitare che ti trascini davanti al giudice e il giudice ti consegni all’esattore dei debiti e costui ti getti in prigione. Io ti dico: non uscirai di là finché non avrai pagato fino all’ultimo spicciolo».”

Lc 12,54-59

Il brano odierno è caratterizzato dall’urgenza di riconoscere il tempo presente, il tempo di Dio. “Quando voi vedete una nuvola salire da ponente dite: viene la pioggia, e così accade. Stolti! E come non sapete comprendere questo tempo?”

Conoscete bene ciò che è utile per la vita di ogni giorno, ma non ciò che è necessario per la vita dello spirito. Sapete discernere ‘il volto’ del cielo e della terra, ma non quello del Figlio dell’uomo. Il discepolo vive alla luce del giudizio di Dio.

Esso si rivela nel mistero pasquale di Gesù, che si battezza nel fuoco dello Spirito, dopo che lui stesso è passato attraverso le acque della morte. Questa è la sua venuta, già realizzata sulla croce, che giudica il mondo per salvarlo.

Per questo è necessario riconoscere il tempo presente come il momento per la conversione. L’invito a riconciliarsi presto e a fondo con quelli con cui non siamo in pace, è a portata di tutti. “Quando vai con il tuo avversario davanti al magistrato, lungo la strada procurati di accordarti con lui”. Ciò vuol significare che l’uomo deve afferrare l’attimo ultimo a lui offerto per la sua salvezza, non lasciandoselo sfuggire.

Questo rimprovero di Cristo è bruciante e in primo luogo interessa precisamente i credenti. Noi siamo coloro che hanno lo sguardo di Dio; la nostra fede non significa soltanto guardare Dio, ma guardare con gli occhi di Dio la realtà del mondo e della nostra personale esistenza.

Il segno per eccellenza è sempre Cristo, con il suo mistero pasquale. Egli mi salva a misura che, leggendo gli eventi della mia esistenza e confrontandoli con la sua Parola, lascio che la Parola stessa porti frutto in me e nel mio tempo. Tocca a noi saper giudicare questo tempo, come dice Gesù, e giudicare da noi ciò che è giusto.