Ecco, concepirai un figlio e lo darai alla luce.

PRIMA LETTURA: Gn 3,9-15.20

Porrò inimicizia tra la tua stirpe e la stirpe della donna.

SALMO: (Sal 97)

Cantate al Signore un canto nuovo, perché ha compiuto meraviglie.

SECONDA LETTURA: Ef 1,3-6.11-12

In Cristo Dio ci ha scelti prima della creazione del mondo.

«In quel tempo, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Rallegrati, piena di grazia: il Signore è con te».

A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù.

Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine».

Allora Maria disse all’angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: nulla è impossibile a Dio».

Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola».

E l’angelo si allontanò da lei».  

Lc 1, 26-38

Man mano che trascorrono le settimane che ci separano dalla celebrazione del Natale, apprendiamo il valore della Venuta del Signore nella carne e dell’attesa da parte nostra. I concetti però non sempre sono sufficienti quando non siano accompagnati da immagini o da incentivi esteriori, quali gli esempi concreti e i modelli. La vera pedagogia consiste nella testimonianza più che nelle indicazioni cattedratiche. Ecco che allora, dal 1854, per il tramite di Pio IX Dio stesso ci incoraggia concretamente nelle aspettative dell’Avvento invitandoci a riflettere su Maria, sua Madre, modello di attesa e di speranza, essendo stata lei per prima a vivere l’immancabile soddisfazione e l’elevazione interiore che comporta la preparazione interiore al Natale.

È infatti del 1854 il Dogma pontificio, inequivocabile, per i credenti, dell’Immacolata Concezione di Maria, il quale indica come la Madre del Verbo Incarnato Gesù Cristo sia stata necessariamente concepita prima di ogni macchia o lacuna peccaminosa, essendo stato preservata dal peccato di Adamo, che tutti quanti ci caratterizza. Prima ancora di essere concepita, Maria è stata preservata, cioè anteriormente liberata da quella che è la colpa originaria di tutti gli uomini. Dio ha fatto in modo che nascesse priva di ogni imperfezione, sebbene fosse una creatura limitata come tutte le altre.

Alla proposta dell’angelo che le rivelava che sarebbe stata lei la Piena di Grazia, Maria ha ascoltato, ha valutato ogni cosa le veniva detta, ha soppesato i pro e i contro della missione che le stava per essere affidata, ha calcolato anche i rischi e le grandi difficoltà che tale missione avrebbe comportato e finalmente vi ha aderito con molta partecipazione e responsabilità. Senza tentennamento e omettendo ogni decisione, alla spiegazione dell’angelo che le diceva che sarebbe diventata Madre per opera dello Spirito Santo e senza concorso umano, esclamava: “Eccomi, sono la serva del Signore, avvenga di me quello che hai detto” e proprio in questi termini si riscontra tutta la determinazione di donna di Avvento, cioè di attesa operosa e fattiva, che fugge l’indolenza e la procrastinazione e che trae imput e sprone nell’agire e nel comunicare. Maria ascolta, soppesa, interpreta, valuta attentamente e piena di fiducia e di speranza si mette subito all’opera, partendo per quel piccolo paese limitrofo a Gerusalemme, fra le montagne, per andare a compartire la sua gioia a Elisabetta.

In questo periodo siamo sconcertati da episodi di “femminicidio” e dalla violenza a danno del sesso femminile che sembra, in un modo o nell’altro, dover soccombere alla superiorità dell’uomo; nonostante i progressi culturali molto elevati negli ultimi decenni, la donna non è ancora considerata in tante culture e legiferazioni proprio alla pari dell’uomo, ma in Maria c’è l’Avvento della speranza che finalmente queste pecchie si possano rimediare. In Maria notiamo come Gesù, Figlio di Dio è proprio “nato da donna, nato sotto la legge” (Gal 4, 4 – 5) e per questo non è maschilista di posizione. Tanto più che in Maria si delinea la donna dall’obbedienza spontanea, ma non acritica: partecipa di ogni particolare che Gabriele le espone, si pone il problema, chiede spiegazioni, mostra la sua intraprendenza e la sua emancipazione per essere convinta della scelta che poi opererà. Vi è in lei la consapevolezza di una maternità che dev’essere matura e responsabile e seppure accompagnata dalla gioia non deve guadagnare spazio alle frivolezze e alle fantasie.

In Maria si riscontra l’Avvento nelle virtù teologali, le quali contrassegnano il vivere dell’uomo secondo Dio. Ha avuto fede perché, anche se non nella forma succube e acritica, ha creduto e si è radicata nelle parole dell’angelo concepite come quelle di un messo celeste; ha vissuto la speranza, perché in Dio ha saputo confidare aspettando che si compissero queste promesse angeliche e in questa speranza ha perseverato nonostante le grandi difficoltà di un concepimento scandaloso per i suoi contemporanei e nonostante le ansie e le preoccupazioni di una maternità improvvisa. Ha vissuto la carità, perché ha donato interamente sé stessa a Dio e al prossimo nella gestazione del Figlio di Dio che diventava Figlio dell’Uomo e nella crescita terrena di questo Divino Bambino che lei predisponeva alla predicazione per la redenzione di tutti. Maria è stata animata dalla carità perché ha accettato anche il dolore e la sofferenza dell’amarezza che doveva subire davanti alla croce, con estremo dolore patito a beneficio di tutti quanti gli uomini.

Così pure Maria manifesta già in questa sua accettazione l’Avvento di Dio nella sua Entità piena e reale, Dio eterno, infinito e onnipotente: Dio Uno e allo stesso tempo Comunione di Tre Persone. Secondo il progetto di Dio Padre che ora le era manifesto, in forza dello Spirito Santo è stata concepita senza macchia di peccato e adesso sempre in virtù dello Spirito concepisce il Figlio di Dio. In lei c’è già a Nazareth il venire di Dio in noi nella comunicazione di Gabriele.

Tutto questo nella semplicità di una donna di paese che Dio renderà grande e Beata per tutte le generazioni.