Chi non è con me è contro di me.

PRIMA LETTURA: Ger 7,23-28

Questa è la nazione che non ascolta la voce del Signore, suo Dio.

SALMO (SAL 94)

Ascoltate oggi la voce del Signore: non indurite il vostro cuore.

“In quel tempo, Gesù stava scacciando un demonio che era muto. Uscito il demonio, il muto cominciò a parlare e le folle furono prese da stupore. Ma alcuni dissero: «È per mezzo di Beelzebùl, capo dei demòni, che egli scaccia i demòni». Altri poi, per metterlo alla prova, gli domandavano un segno dal cielo. 
Egli, conoscendo le loro intenzioni, disse: «Ogni regno diviso in se stesso va in rovina e una casa cade sull’altra. Ora, se anche satana è diviso in se stesso, come potrà stare in piedi il suo regno? Voi dite che io scaccio i demòni per mezzo di Beelzebùl. Ma se io scaccio i demòni per mezzo di Beelzebùl, i vostri figli per mezzo di chi li scacciano? Per questo saranno loro i vostri giudici. Se invece io scaccio i demòni con il dito di Dio, allora è giunto a voi il regno di Dio.
Quando un uomo forte, bene armato, fa la guardia al suo palazzo, ciò che possiede è al sicuro. Ma se arriva uno più forte di lui e lo vince, gli strappa via le armi nelle quali confidava e ne spartisce il bottino. 
Chi non è con me è contro di me, e chi non raccoglie con me, disperde».”

Lc 11,14-23

Prima ancora che il Verbo si umiliasse nella carne per venire ad abitare in mezzo, lo stesso Dio, pur di riprendere un dialogo con noi, è ricorso alla parola per comunicarci le sue verità e convincerci del suo immutato amore.

La parola di Dio sin dal principio doveva costituire il documento base e la via del ritorno a Lui, per tutta l’umanità, ma si è calata purtroppo in cuori di pietra e in un uomo dalla dura cervice. Ecco perché poi la Parola, il Verbo, si è fatto carne.

Cristo si affida ancora alla parola, affascina i suoi uditori, comanda ai demoni di uscire dall’uomo, richiama alla vita i morti, annuncia le grandi verità di cui l’uomo si è colpevolmente privato. Perfino i più scettici sono costretti dall’evidenza a testimoniare: «Mai un uomo ha parlato come parla quest’uomo!».

Altri dopo averlo ascoltato anche una sola volta affermavano: “Rimanevano colpiti dal suo insegnamento, perché parlava con autorità”.

Una categoria di persone, gli scribi e i farisei, si opponeva sistematicamente e ostinatamente alle parole di Cristo e arrivava a contestare, con subdoli e meschini raggiri, le azioni del Cristo, anche quando evidentemente venivano poste a favore dei più bisognosi nel corpo e nello spirito.

Nel vangelo di oggi c’è una contrapposizione netta tra l’agire di Gesù, che scaccia un demonio muto, per ridare il dono della parola al malcapitato e le parole di alcuni dei testimoni e astanti, che malignano terribilmente sul suo operato: «È in nome di Beelzebùl, capo dei demoni, che egli scaccia i demoni». “Altri poi, per metterlo alla prova, gli domandavano un segno dal cielo”.

C’è tanto veleno in queste parole, c’è la pretesa di giudicare il Signore, di stravolgere malignamente il significato delle sue azioni, c’è poi la pretesa di un segno dal cielo e la sfida aperta alla potenza di Dio. Crolla anche la logica più elementare in coloro che hanno la malvagità nel cuore. Egli però, e Gesù in perfetta sintonia con Lui, non danno spettacolo, non accettano sfide, porgono la verità, agiscono solo per amore, ci liberano dal male.

Si attendono legittimamente una libera adesione perché si comprenda che: “Chi non è con me, è contro di me; e chi non raccoglie con me, disperde”.