Lo Spirito Santo che il Padre manderà nel mio nome vi insegnerà ogni cosa.

PRIMA LETTURA: At 14,5-18       

Vi annunciamo che dovete convertirvi da queste vanità al Dio vivente.

SALMO: (Sal 113 B)

Non a noi, Signore, ma al tuo nome dà gloria.

Oppure:
Alleluia, alleluia, alleluia.

«In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Chi accoglie i miei comandamenti e li osserva, questi è colui che mi ama. Chi ama me sarà amato dal Padre mio e anch’io lo amerò e mi manifesterò a lui».
Gli disse Giuda, non l’Iscariòta: «Signore, come è accaduto che devi manifestarti a noi, e non al mondo?».
Gli rispose Gesù: «Se uno mi ama, osserverà la mia parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui. Chi non mi ama, non osserva le mie parole; e la parola che voi ascoltate non è mia, ma del Padre che mi ha mandato.
Vi ho detto queste cose mentre sono ancora presso di voi. Ma il Paràclito, lo Spirito Santo che il Padre manderà nel mio nome, lui v’insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto ciò che io vi ho detto».

Gv 14,21-26

La domanda che pone Giuda, non Iscariota, è una domanda che spesso ci passa per testa, soprattutto se siamo di quelli che hanno sperimentato l’amore di Dio: “Signore come è accaduto che devi manifestarti a noi e non al mondo?”

Perché qualcuno ha sperimentato, ha vissuto un incontro con Dio e invece qualcuno no?

Perché Dio non ti fai vedere a tutti, dimostri quanto ci ami e risolviamo problema di molte ideologie create dall’uomo che portano alla morte?

Gesù sembra che non dà una risposta diretta! Ma dice che solo chi lo accoglie e chi osserva la sua parola e il suo comandamento di amore, solo lui può godersi una relazione con Dio trino e uno.

Dio può fare ogni specie di miracoli per mostrarsi, ma questo non è il suo principale modo di agire, ma non è neanche il suo essere. La definizione del nostro Dio è amore, non Dio è miracolo. Il miracolo è uno dei modi che usa come l’ultima opzione ed è sempre compiuto grazie all’amore, però spesso si usa dei modi più normali e concreti per farci capire quanto ci ama.

Dio si fa vedere continuamente ma nostro problema è che siamo fuori dalla relazione con Lui. Dio si fa vedere non a chi lo sfida chiedendo qualche miracolo, ma a chi ha un cuore desideroso di essere riempito dall’amore, a chi vuole essere amato e a chi vuole amare.